VASCA DI PRIMA PIOGGIA

Specializzati nel Ciclo dell'Acqua: Raddoppiamo l'Efficacia e Dimezziamo gli ingombri

Con lo sviluppo Urbano ed Industriale sono aumentate le superfici impermeabili che rischiano, alla prima pioggia, di diventare vere bombe chimiche.

Dettaglio interno di lavorazione di una Vasca in inox

Perchè è obbligatoria la Vasca di Prima Pioggia ?

Per spiegarlo velocemente, e senza troppi tecnicismi, ti parlerò di un supermercato.

Nel piazzale d'asfalto impermeabile di una supermercato transitano e sostano centinaia, o migliaia, di automobili ogni giorno. Ciascuna di queste ha una sua storia, una sua manutenzione, e proviene dalla campagna piuttosto che dalla città.

Gocce d'olio, idrocarburi e polveri, fango, sassi e sabbia, si accumulano sulla superficie drenante, e impermeabile, del grande parcheggio.

All'arrivo della pioggia, nei primi 5 mm d'acqua caduta verranno lavati via tutti questi inquinanti e finiranno nel primo corso d'acqua disponibile o nelle fogne.

In ciascuno dei due casi si stà immettendo una miscela altamente inquinante senza alcun controllo. Una miscela che deve essere trattata.

Per questo, una Normativa dedicata prevede che tutti i piazzali civili e industriali che superano i 1000 mq debbano munirsi di una Vasca di Prima Pioggia.

La Normativa di Legge

La prima normativa redatta è della Regione Lombardia che con la Legge n.62 del 27 maggio 1985 ha definito cosa si intende per "acqua di prima pioggia" e quali sono i trattamenti indispensabili da eseguire.

Col Decreto Legislativo n.152 dell'11 maggio 1999 e successivamente col Decreto Legislativo n.152 del 3 aprile 2006 la normativa nazionale ha recepito il concetto di acque di prima pioggia.

A cosa ti serve un Vasca di Prima Pioggia ?

Potrei parlarti di tecnicismi vari, dei diversi tipi di processi di laminazione o di progetti di regimazione idraulica di acqua meteorica, oppure dei 3 principali sistemi di trattamento connessi alle vasche di prima pioggia, ma non lo farò.

Non lo farò perchè sarei noioso e solo un tecnico capirebbe ciò che ho scritto.

Invece ora ti dirò in modo schietto a cosa ti serve, e cosa deve fare uno di questi impianti.

Deve raccogliere e trattenere i primi 5 mm di acqua che cadono su tutta la superficie impermeabile. Successivamente deve "filtrarli" (laminarli) separando le sostanze inquinanti. Infine deve rilasciare lentamente l'acqua trattata. Fine.

Nelle Nostre Vasche cosa trovi ?

  • filtro a coalescenza in grado di favorire la flottazione degli oli e/o carburanti
  • interruttore a galleggiante tarato in modo da impedire ogni fuori uscita di oli o carburanti
  • sensore di rilevazione dell'evento meteorico
  • sensore di rilevazione di eccessiva presenza di oli o carburanti
  • quadro di gestione delle fasi di attesa e laminazione
  • allarme ottico ed acustico in caso di presenza di oli o carburanti
  • interamente realizzati in acciaio inox

Direttive di Progettazione

  • 2006/42/CE (Direttiva macchine)
  • 2006/95/CE (Direttiva bassa tensione)
  • 2004/108/CE (Direttiva sulla compatibilità elettromagnetica)

Tel:(0039) 070.45.13.084
Cell: (0039) 388.37.94.834

Contatti per i Professionisti:
info@depurare.it
info@aziendaitalianadepuratori.it
Tel: 070.45.13.084
Cell: 388.37.94.834
Tel: 070.85.20.01

Contatti per i Clienti:
info@depurare.it
info@aziendaitalianadepuratori.it
Tel: 070.45.13.084
Cell: 388.37.94.834
Tel: 070.85.20.01

Contatti per i Fornitori:
info@ecotradesardegna.com
Cell: 388.37.94.834
Tel: 070.45.13.084

Ecotrade S.r.l. è oggi proprietaria del marchio
Azienda Italiana Depuratori

Creata nel 2016 col principale scopo di cogliere l’eredità tecnologica della storica azienda Sarda.

Analizza, Progetta e Realizza tutte le soluzioni connesse al Ciclo di Trattamento delle Acque.